Khanna Parag, Confini e connessioni

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La posta in gioco più alta è la transizione da un mondo di confini nazionali a un mondo di flussi e attriti. Abbiamo bisogno di un mondo meno segnato da frontiere perché non possiamo permetterci le distruzioni che portano con sé i conflitti territoriali, perché rimediare allo squilibrio fra popolazione e risorse può liberare un incredibile potenziale umano ed economico, perché sono troppo pochi gli Stati che garantiscono sufficiente benessere ai propri cittadini, e perché miliardi di persone sono ancora lontani dai benefici della globalizzazione. I confini non sono l'antidoto al rischio e all'incertezza; le connessioni sì.

Khanna, Parag. Connectography: Mapping the Global Network Revolution. London: Weidenfeld & Nicolson, 2016.


Osare: il progresso si ottiene solo così.
Oser: le progrès est à ce prix.
V. Hugo, Les misérables

We should be teaching our children the basic up-to-date, fact-based framework—life on the four levels and in the four regions—and training them to use Factfulness rules of thumb—the bullet points from the end of each chapter. This would enable them to put the news from around the world in context and spot when the media, activists, or salespeople are triggering their dramatic instincts with overdramatic stories. These skills are part of the critical thinking that is already taught in many schools. They would protect the next generation from a lot of ignorance.
H. Rosling, Factfulness

Please publish modules in offcanvas position.